Calo dell’udito e diabete: esiste una correlazione?

calo dell'udito e diabete

Calo dell’udito e diabete sono in relazione tra loro?

Il calo dell’udito e il diabete sono due condizioni mediche molto comuni e diffuse, ma esiste una correlazione tra queste due patologie o sono scollegate l’una dall’altra?

Cosa dice la scienza?

Recenti studi scientifici hanno cercato di dare una risposta definitiva a questo interrogativo, dimostrando che in effetti ci sono evidenze scientifiche che evidenziano come per i soggetti diabetici raddoppi il rischio di sviluppare anche un disturbo uditivo.

Questi studi hanno quindi dimostrato che chi soffre di diabete ha una probabilità di sviluppare un deficit uditivo 2,15 volte maggiore rispetto al resto della popolazione, ossia questi pazienti hanno il 200% in più di possibilità di sviluppare problemi legati all’udito. Questo dimostrerebbe che esiste effettivamente una relazione tra il diabete e il calo dell’udito.

Il rischio di sviluppare queste due condizioni cresce inevitabilmente con l’avanzare dell’età e può incidere in modo significativo sulla qualità della vita dei soggetti coinvolti. Ecco perché è bene conoscere in modo più approfondito questa patologia e scoprire come può influire sull’udito.

calo dell'udito e diabete

Che cos’è il diabete?

Il diabete è una malattia cronica che nel nostro Paese colpisce più di 3 milioni e mezzo di persone, e che ha registrato una crescita del 60% dal 2000 al 2019, quando la percentuale dei soggetti diabetici in Italia è passata dal 3,8% al 5,8% della popolazione totale.

Si tratta di una malattia caratterizzata dalla presenza di livelli elevati di glucosio nel sangue (iperglicemia) e dovuta ad un’alterata quantità o funzione dell’insulina. L’insulina è l’ormone, prodotto dal pancreas, che consente al glucosio l’ingresso nelle cellule e il suo conseguente utilizzo come fonte energetica. Quando questo meccanismo è alterato, il glucosio si accumula nel circolo sanguigno.

Esistono due tipologie di diabete:

  • Il diabete di tipo 1, causato dalla distruzione, da parte del sistema immunitario, delle cellule beta del pancreas responsabili della produzione dell’insulina. A seguito di questo l’insulina non viene più prodotta e i diabetici hanno quindi necessità di assumerla attraverso delle iniezioni.
  • Il diabete di tipo 2 è la condizione in cui l’insulina viene ancora prodotta, ma in quantità insufficiente a tenere sotto controllo i livelli di glicemia nel sangue. Questa patologia ha un impatto significativo sulla qualità della vita e può portare allo sviluppo di altre patologie, come la retinopatia (patologia che colpisce gli occhi), la neuropatia diabetica (che interessa invece il sistema nervoso), o anche della cocleopatia diabetica (che riguarda invece l’orecchio interno).

Cosa fare per prevenire l’ipoacusia se si soffre di diabete di tipo 2

Come abbiamo visto esiste una relazione tra lo sviluppo dell’ipoacusia nei pazienti diabetici, per prevenire le conseguenze negative che derivano dalla presenza di queste due patologie, i controlli periodici sono di fondamentale importanza.

Effettuare un controllo dell’udito presso i centri acustici consente di individuare subito se il paziente sta sviluppando un disturbo uditivo e, in caso affermativo, gli permette di trovare sin da subito l’apparecchio acustico ideale per migliorare la sua capacità d’ascolto.

otite del nuotatore

Se sei un paziente diabetico, trova il centro acustico Maico più vicino a te e sottoponiti ad un test gratuito dell’udito.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.